Posizionamento Organico - Servizi SEO in Italia - Posizionamento Siti Web - Agenzia SEO - Web Marketing - Consulenze SEO GRATUITE - Ottimizzazione SEO - Posizionamento su Google

Google Limiterà i AI Overviews per Query “Assurdi”

Google Limiterà i AI Overviews per Query “Assurdi”

Google affronta le preoccupazioni riguardanti i AI Overviews, mentre continua ad affermare che portano a una maggiore soddisfazione degli utenti e a più clic.

 

  • Google risponde alle critiche sui AI Overviews e mira a migliorare l’accuratezza.
  • Le query assurdi non attiveranno più i AI Overviews.
  • Google afferma ancora che la maggior parte degli utenti è soddisfatta della funzione.

 

Google ha affrontato le preoccupazioni riguardanti l’accuratezza e la qualità della sua funzione di AI Overviews nei risultati di ricerca.

 

L’azienda riconosce le critiche e i risultati strani generati dai AI Overviews, ma sostiene che la funzione porta a una maggiore soddisfazione degli utenti e a rispondere a query più complesse.

 

Mentre Liz Reid, responsabile di Google Search, continua a ripetere gli stessi argomenti, ecco cosa si sta facendo riguardo ai AI Overviews.
Sfondo sui AI Overviews

 

Google ha lanciato i AI Overviews per fornire agli utenti risposte complete a domande complesse che in precedenza avrebbero richiesto più ricerche.

 

La funzione è alimentata da un modello di linguaggio personalizzato integrato con i sistemi principali di classificazione web di Google.

 

A differenza dei chatbot e di altri prodotti di modelli di linguaggio di grandi dimensioni (LLM), Google sostiene che i AI Overviews sono progettati solo per mostrare informazioni supportate dai migliori risultati web e includono link pertinenti per ulteriori esplorazioni.

 

Google sostiene che, nei test, il tasso di accuratezza dei AI Overviews è paragonabile con i featured snippets, un’altra popolare funzione di ricerca alimentata da IA.

 

Affrontare Risultati Strani e Critiche

 

L’uso diffuso dei AI Overviews da parte di milioni di utenti ha fatto emergere alcuni risultati strani e inaccurati.

 

Google attribuisce questi problemi a diversi fattori, tra cui:

 

  • Malinterpretazione delle query
  • Malinterpretazione delle sfumature del linguaggio dei contenuti web
  • Informazioni di alta qualità limitate disponibili per argomenti specifici

 

Nella sua dichiarazione, Google affronta l’esempio virale di “Quante pietre dovrei mangiare?” che ha generato un riassunto di IA basato su contenuti satirici ripubblicati sul sito web di un fornitore di software geologico.

 

L’azienda spiega che questo è un esempio di “vuoto di dati” o “lacuna di informazioni”, dove sono disponibili contenuti di alta qualità limitati su un argomento.

 

Miglioramenti e Aggiornamenti

 

In risposta alle critiche, Google afferma di aver effettuato più di una dozzina di miglioramenti tecnici ai AI Overviews.

 

Questi aggiornamenti includono:

 

  • Migliori meccanismi di rilevamento per query assurdi
  • Limitare l’inclusione di contenuti satirici e umoristici
  • Aggiornamento dei sistemi per limitare l’uso di contenuti generati dagli utenti potenzialmente fuorvianti
  • Aggiunta di restrizioni di attivazione per query in cui i AI Overviews erano meno utili
  • Miglioramento delle protezioni di qualità per argomenti sensibili come notizie e salute

 

Il messaggio aziendale di Google è che meno di una query su 7 milioni di query uniche con AI Overviews conteneva una violazione della politica sui contenuti.

 

Perché ci importante

 

Le lezioni dal lancio dei AI Overviews di Google plasmeranno il futuro della ricerca e avranno implicazioni per l’industria SEO.

 

Le preoccupazioni riguardanti l’accuratezza evidenziano la necessità che i motori di ricerca siano trasparenti su come funzionano queste funzioni di IA, le loro limitazioni e come vengono affrontati i problemi.

 

I professionisti SEO, i creatori di contenuti e i proprietari di siti web dovrebbero spingere per una comunicazione più chiara. Partecipando attivamente a queste discussioni, si può guidare l’uso responsabile degli strumenti di IA.

 

Le sfide di Google presentano un’opportunità per i concorrenti di dare priorità alla trasparenza, alla fiducia degli utenti e all’implementazione etica dell’IA per differenziarsi. Sarà interessante vedere se qualcuno raccoglierà la sfida.

Lascia un commento

Dessen Peters

DVMAGIC - agenzia SEO europea fondata nel 2015. Posizionamento organico, ottimizzazione del sito web, web marketing. SEO locale, SEO e-commerce. Esperti SEO multilingue. Consulenze SEO. Supporto SEO. Posizionamento su Google.